Emozioni sul Pendio Lariccia. Venerdì Santo

1305

Le prime luci del mattino risplendono sugli occhi lucidi di chi ha sorretto le sdanghe sulle quali è poggiata la Vergine Addolorata.

Non è fatica, non è sofferenza, non è stanchezza. E’ amore e devozione verso la Mamma e passione e trasporto per questi antichi Riti.

La banda suona l’ennesima marcia. E’ la mattina del Venerdì Santo, siamo a #Taranto sul Pendio Lariccia è queste sono le mozzette nere della Venerabile Confraternita della SS. Addolorata e San Domenico.

Articolo precedenteMarce funebri e meditazione. “Musica e Preghiera” in San Domenico mercoledì 21 febbraio
Articolo successivoOggi Via Crucis nella Cittadella della Carità. La Confraternita della SS. Addolorata e San Domenico vicina agli ammalati