La Troccola dell’Addolorata

2341

La Troccola dell’Addolorata è tra i simboli più ambiti dei Riti della Settimana Santa. E’ portata appunto dal Troccolante durante il Pellegrinaggio (Processione) della Addolorata nella notte tra il Giovedì e il Venerdì Santo a Taranto.

Bugnato nero con intarsi in argento, quattro maniglie, due per ogni lato, il cuore della Mamma trafitto su di un lato e il simbolo Servi di Maria sull’altro.

V. Montrone 1912

E’ stata donata nel 1912 dal confratello Vincenzo Montrone. Diverse fonti indicano il maestro Petruzzi quale probabile autore.

Particolare e riconoscibile senza esitazioni il particolare suono delle maniglie che sbattono sulle piastre.

Il Troccolante dell’Addolorata

Il Troccolante dell’Addolorata

La Troccola dell’Addolorata annuncia l’avvio dei Riti a Taranto

Poco prima di mezzanotte, a cavallo tra il Giovedì e il Venerdì Santo, il penitente della Confraternita della SS.ma Addolorata e San Domenico che si è aggiudicato la troccola si affaccia dal ballatoio del tempio Maggiore e annuncia, con il suono melodioso del crepitacolo, l’avvio dei Riti della Settimana Santa a Taranto.

Come è fatta la Troccola dell’Addolorata

Leggermente più leggera rispetto alla troccola del Carmine (che apre la Processione dei Sacri Misteri), il crepitacolo dell’Addolorata pesa meno di 2 kg. E’ realizzata il legno di noce ed è leggermente più corta di quella del Carmine. Sul dorso è riportata una targhetta che riporta testualmente: V. Montrone, 1912.

Il troccolante apre il Pellegrinaggio dell’Addolorata

Il pendio pronto ad abbracciare il troccolante (in basso video Settimana Santa 2018):

Articolo precedenteDa oggi, a Taranto, si parla solo di Settimana Santa
Articolo successivoIl cammino della croce. Pellegrinaggio dell’Addolorata. Taranto